Semplice!

Smettiamola di occuparci del cibo che non dura e diamoci da fare per quello che rimane per la vita eterna. Giustissimo, ma come distinguerli? Sarebbe davvero triste confondere la vita eterna con una vita ritirata e lontana dai bisogni della gente. Grazie a Dio però è semplice. Il cibo che non dura è quello che ti sbaffi alla faccia altrui. Quello che rimane in eterno è invece il cibo che condividi con gli altri.

da Ataùro, Timor Est

Gv 6,24-35 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+6%2C24-35&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Annunci