Potessero parlare

Davvero i monti si sono spostati da qui a là come nulla fosse, trasportati come granelli di senape nel vento. Enormi e durissimi blocchi di lava resistono appuntiti alle onde, convivendo con pietre levigate di ogni colore e composizione. Potessero parlare, racconterebbero di vulcani e terremoti, di questa terra gettata nel fuoco e nell’acqua. Ci direbbero di quando i primi homo sapiens giunsero fin qui dall’Africa 55.000 anni fa. Poi, chissà come e chissà perché, da queste coste presero il largo per l’Australia, che da qui é troppo lontana per essere vista. Avessimo un granello di fede o almeno d’umiltà, ci sentiremmo piccoli e ultimi arrivati. Una piccola tribù africana di 7 miliardi di individui, con tanta voglia di vivere e scoprire l’universo.

da Ataùro, Timor Est

Mt 17,14-20 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Mt+17%2C14-20&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Telmo Pievani, Homo sapiens. Le nuove storie dell’evoluzione umana, Libreria Geografica, 2017 https://www.amazon.it/dp/8869851834/ref=cm_sw_r_cp_apa_nVJBBbW65JNHJ

Annunci